Musica

Saudade 2014

25 ago , 2014  

H. villa lobos

In ricordo di…

Dom. 12 ottobre, ore 20:30

Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade

Musica sudamericana

Orchestra di violoncelli Heithor Villa-lobos
Con la partecipazione di Cristina Nadal soprano

La presenza nel Veneto di numerosi e qualificati violoncellisti ha fornito lo spunto per formare un complesso di soli violoncelli. Il desiderio di conoscere più da vicino le splendide Bachianas Brasileiros di Heitor Villa – Lobos diede l’idea ad Enrico Egano di formare ed organizzare il gruppo.
Non è stato facile, oggi, radunare strumentisti impegnati in varie attività che comprendono oltre all’insegnamento presso i Conservatori, la libera professione svolta presso orchestre e complessi di grande fama, tra i quali l’Orchestra del Teatro alla Scala, l’Orchestra del Teatro la Fenice, l’Orchestra di padova e del Veneto, I Solisti Veneti. L’intento del gruppo è sempre stato quello di divulgare musica originale per complesso di violoncelli: a questo scopo molti compositori contemporanei sono stati invitati a scrivere nuovi pezzi, al fine di sfruttare al massimo le possibilità timbristiche della formazione. Il complesso non disdegna però trascrizioni anche di musiche non rigorosamente classiche.

Foto di Teodora Campagnaro ed Enrico Egano

Enrico Egano e Teodora Campagnaro

Ricordando Teodora ed Enrico
Teodora. Ovunque tu pronunci questo nome viene immediatamente identificata, prima ancora che col suo cognome. Sembra banale ma è cosl, come se fosse lei stessa a chiedertelo: ricordami col mio nome perché in questo modo siamo subito vicini, senza attendere una confidenza che maturì a mllimetri, senza il rischio che non ,arrivi mai. Con lei era cosl, rispettosa di tutti ma desiderosa di avere un rapporto serrato che ponesse in breve le condizioni per un’intesa, certa e forte.
La sua naturale oomunicativa era fortemente evidente persino nel modo di suonare, nel primissimo approccio col violoncello, fin dal primo tocco. Come da poco più che bambina, così da persona adulta esprimeva con il suo strumento una gioia spinta a dartie farti sentire in quale razza di mondo stava sguazzando in quel momento e questo suo gioco, diventando sempre più raffinato, resisteva negli anni perché era l’essenza di ciò che sapeva donare. Immancabile e incondizionabile.
Il suonare con lei alimentava continui scambi e la musica diventava dialogo e rapporto, darsi continuo di impressioni, immagIni, profondità ed anche frivolezza, prima ancora che serioso linguaggio grammaticale.
Abbiamo imparato da Teodora e ci è servito. Il pensiero, alto: poi giù, la grinta sul violoncello, il contorcersi su di esso, il suono meraviglioso, l’intensa espressività e alla prima pausa, un sorriso verso te.
Enrico non era una persona che passasse inosservata, il modo di trattare la gente con semplicità e confidenza, lo sdrammatizzare e l’alleggerire tutto anche in situazioni ufficiali, senza il timore di creare talvolta imbarazzo, poteva sembrare irriverente e facile; ma alla fine questo comportarsi restava impresso nelle persone e veniva  ben accotto, demolendo poi ogni atteggiamento di presunzione e distacco, facendoti apparire uguale agli aitri, senza fronzoli o gerarchie.
Anche la sua classe di violoncello al Conservatorio dì Castelfranco non era esente da questo contagio: tutti uguali, alcunì proprio amici, ognuno giustamente occupato nel proprio lavoro ma inevitabilmente rapito dal magnetico coinvolgimento del Maestro. E che Maestro!  Una lezione di Enrico si rioordava, anche a distanza, nei particolari, La sua profonda capacità di entrare in comunicazione oon gli altri attraverso il suo violoncello e la passione, quella che trasmetteva con successo agli allievi, quella che ti faceva cogliere esattamante chi avevi davanti e cosa stesse facendo per te e per sè in quel momento.
L’entusiasmo per la musica e per il violoncello lo ha portato a diventare fin giovanissimo un conoertista di notevole livello; dopo gli indimenticabili anni sotto la guida illuminata del grande Maestro Adriano Vendramelli al Conservatorio “B, Marcello” di Venezia e la frequentazione ai corsi del M° Antonio Janigro, ecco i recitals con la moglie Dianella, meravigliosa pianista. Nel frattempo il concorso di ‘Primo violoncello solista’ al “Gran Teatro La Fenioe” di Venezia. Vinto.
Il suo stile di grande immediatezza e la leggerezza mai fine a sé stessa, trovano nel programma di stasera una naturale collocazione dello spirito che noi tutti abbiamo conosciuto ed apprezzato in lui.

cristina nadalCristina Nadal, diplomata brillantemente in canto e in violoncello, si è perfezionata a Vienna con H. Zadek e in Italia con R. Kabaivanska e S. Lowe per il canto e con D.Shafran, M.Flaksman, F.M.Ormezowsky, A.Specchi, M.Drobinsky, G.Lovato, F.Rossi, A.Savelli, M.Somenzi per il violoncello. Ha debuttato in ruoli dʼopera del settecento, dellʼottocento e contemporanea. 
Si dedica prevalentemente al repertorio concertistico e da camera con particolare attenzione a quello del novecento e contemporaneo. Numerose infatti sono le composizioni eseguite in prima assoluta di autori viventi (De Stefani, Viezzer, Mosca, Clapasson, Ambrosini, J.Maguire, Donati, Bussotti, Sani, Andriessen). 
Ha unʼintensa attività concertistica, con partecipazioni a Festival e Stagioni Concertistiche nazionali tra le quali: Biennale Musica di Venezia, IUC di Roma, Fondazione P. Guggenheim di Venezia, Orchestra “A.Toscanini” di Parma, ”I suoni delle Dolomiti” (TN), Teatro Piccolo (G.Strehler) di Milano, Teatro Goldoni (VE), Teatro Verdi di Pordenone, Firenze (Biblioteca Comunale, Battistero), Amici della musica di Padova, Teatro Rossetti di Trieste, “Carniarmonie”, “Nei Suoni dei Luoghi” ed internazionali: Germania, Croazia, Austria, Istanbul, Il Cairo (Teatro dellʼOpera), Singapore, Hanoi (Teatro dellʼOpera), Karachi (Consolato Italiano in Pakistan), Amman (Giordania), Paesi Baltici, Helsinki e Rabat. 
Numerose sono le collaborazioni con orchestre e piccoli gruppi da camera, con i quali ha suonato in numerosi festival e stagioni concertistiche in Italia e allʼestero; ha suonato inoltre al Quirinale per il Presidente Napolitano e alla Farnesina (Ministero degli Esteri ) per il Ministro Frattini. 
Nel 2008 per la Diocesi di Roma ha eseguito in prima assoluta il pezzo “Donum Fidei” (musica di Mirco De Stefani) in memoria di Don Andrea Santoro martire a Trebisonda. 
Ha cantato con i cori del Teatro Comunale di Bologna, del Teatro “G.Verdi” di Trieste, della Fenice di Venezia e con lʼAthestis Chorus. 
Ha collaborato con numerosi direttori e solisti di fama quali: Mario Brunello, G.Sollima, F.M.Bressan, J.Hiemetsberger, O.Dantone, C. Guaitoli, R.Beretta, S.Balestracci, F.Bardazzi, R.Gessi, C.Rebeschini, T.Forcolin, G.Mancuso, R.Gianola, P.Righele, R.Zarpellon e con Franco Battiato. Ha inciso per Rivo Alto, Symphonia e Pizzicato. 
Nel 2009 e nel 2011 sono stati pubblicati da Rivo Alto due produzioni discografiche che la vedono impegnata come cantante, “Canzoni de La Grande Neige” e “Canzoni de Lʼété de nuit”, questʼultimo presentato alla Fenice di Venezia, che contengono rispettivamente 15 e 9 canzoni su testi del poeta francese Yves Bonnefoy e musica composta da Mirco De Stefani. Affianca allʼattività concertistica quella didattica tenendo masterclass e conferenze presso varie istituzioni italiane ed Americane. 
È direttore artistico e didattico dellʼAccademia Artecanto di Pordenone e Docente di Violoncello presso il Conservatorio di Musica “G.Tartini” di Trieste. Si è appena conclusa la sua tournée negli USA con l’ultimo CD “in Volo”.

Musica

Chiaro lo Specchio dell’Acqua 2014

21 ago , 2014  

Chiaro

Concerti 2014:

6 – 12 – 14 – 19 – 20 – 26   Settembre

23   Novembre

 

Il Festival internazionale di musica antica

“Chiaro lo Specchio dell’Acqua”

giunge quest’anno all’ottava edizione, riunendo, come di consueto, in una serie di appuntamenti i comuni situati nel territorio del Parco del Sile.

Il concerto di apertura si svolgerà, come ogni anno, nella chiesa di Sant’Elena di Silea, sabato 6 settembre; i Successivi appuntamenti sono previsti, nel mese di settembre, a Quinto di Treviso, Albaredo di Vedelago, Treviso, nella splendida chiesa di San’Agostino, Badoere di Morgano, al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto, per terminare a Dosson di Casier il 23 novembre, in Villa Contarini – Nenzi.

Gruppo ospite per il 2014 sarà l’ensemble Dulcis in fundo, che si esibirà a Badoere di Morgano.

Si ringraziano vivamente le amministrazioni comunali e le parrocchie che ospiteranno i vari appuntamenti, nonché la Provincia di Treviso ­ReteEventi Cultura, che hanno reso possibile anche ques’anno la realizzazione del Festival

Il NovArtBaroqueEnsemble vi augura buon ascolto.

Dvlcis in FvndoDVLCIS IN FVNDO Ensemble di musica barocca su strumenti originali.
Il gruppo, formato da giovani professionisti che si sono specializzati nel repertorio barocco, è costituito da Olga Bernardi, Andrea Marcialis (flauti dolci), Stefano Sopranzi (fagotto) e Luca Poppi (clavicembalo); formatosi nel 2003, ha conseguito il 1° premio al concorso nazionale “Dino Caravita” di Fusignano (Ravenna) nel 2004.
L’ensemble, a giugno 2009, ha vinto il 1° premio al 1° concorso nazionale di flauto dolce e musica da camera con flauto dolce promosso dall’ERTAItalia (European Recorder Teachers’ Association), presidente della giuria il flautista Dan Laurin del Royal College of Music di Stoccolma.
Il gruppo mira a creare occasioni di ascolto di musiche barocche e preclassiche, eseguite secondo la prassi esecutiva, con un suono e uno stile il più possibile conformi all’originale. Gli strumenti impiegati sono originali antichi (Stefano Sopranzi suona un fagotto realizzato a Strasburgo nella seconda metà del XVIII secolo) o copie di originali conservati nei musei europei. Tutto ciò senza peraltro appiattire l’esperienza musicale a un puro esercizio di rivisitazione del passato, proponendo cioè un’esecuzione rigorosa ma viva e presente. Il flautista Andrea Marcialis cura inoltre trascrizioni di musica antica rara vocale e strumentale, collaborando per la collana “Armelin Antiqua” dell’editore “Armelin Musica” di Padova.
Ad agosto 2009 il gruppo ha seguito il corso di musica da camera del “Festival Gregorio Strozzi” di San Severino Lucano (Potenza) e a settembre dello stesso anno ha partecipato al “Podzimnì Hudebnì Festival” di Libochovani (Repubblica Ceca). Recentemente la formazione ha tenuto diversi concerti in Italia, esibendosi in numerose rassegne, tra le quali “Gorizia Classica”, “Festival Internazionale di Musica Antica” di Bergamo, “San Giacomo Festival” di Bologna, “Chieri Musica” (Torino).
Ad aprile 2010 l’ensemble ha inciso sei trii del compositore svedese J.H. Roman. Il cd è uscito nel 2011 come “CD Catalogo 2011-2012” per “La Bottega Discantica” di Milano.

NovArtBaroqueEnsembleNovArtBaroqueEnsemble “IL FELICE INCONTRO FRA ESPERIENZE INTERNAZIONALI DIVERSE”.

Per la ragguardevole attività concertistica che svolgono, gli artisti che la compongono e coloro che vi hanno collaborato, conoscono il consenso della critica e il calore del pubblico. Tra le collaborazioni più significative è il caso di segnalare quelle con: l’Orchestra Filarmonica della Scala, l’Accademia di Santa Cecilia, La Fondazione Teatro La Fenice, I Solisti Veneti, l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, l’Ensemble di Venezia, l’Orchestra di Praga, sotto la guida dei direttori C. Hogwood, T. Koopman, G. Leonhardt, A. Bylsma, R. Muti, C. Abbado, L. Maazel, C. Kleiber, J. Temirkanov.
Dopo anni di pratica concertistica, con un repertorio che va dall’antico ai nostri giorni, questo gruppo di musicisti si ritrova intorno ad una passione comune: la riscoperta del patrimonio artistico-musicale della propria terra e il gusto dell’analisi e della ricerca. Da ciò l’interesse
per le musiche del ‘600 e del ‘700 di area Veneto/Lombarda, l’attenzione per l’autenticità del suono su strumenti originali, l’analisi filologica delle fonti e lo studio della prassi che caratterizzano l’attuale produzione dell’Ensemble. Senza preclusioni per altri ambiti musicali, attualmente NovArtBaroqueEnsemble si dedica con particolare riguardo ad autori come Galuppi, Vivaldi, Tartini, Marini, Rossi, Porpora, Caldara. Sono stati rivalutati compositori quali Domenico Della Bella (una sonata per violoncello e continuo) e Ferdinand Zellbell den yngre (concerto per violoncello, archi e continuo).
NovArtBaroqueEnsemble ha registrato un cd presso Ca’ Zenobio in Treviso nel quale sono contenuti brani di Vivaldi, Galuppi, Porpora e Scarlatti e un secondo cd con le Sonate di Antonio Caldara per violoncello e basso continuo.
Ha collaborato con Sigiswald Kuijken, Chiara Banchini, Gabriele Cassone, Patrizia Vaccari, Laura Antonaz e altri ancora.
NovArtBaroqueEnsemble è ideatrice e organizzatrice del Festival Internazionale di Musica Antica “Chiaro lo Specchio dell’Acqua”, dei Concerti a Santa Maria di Castello a Biancade e della Rassegna “Armonia di Vie” nel Territorio padovano del Graticolato Romano.

CALENDARIO EVENTI  Chiaro lo specchio dell’acqua.

Sant’Elena di Silea, Chiesa di Sant’Elena

6 settembre 2014, ore 21.00

Anna Giulia Simioni, soprano

Marco Rinaldi, controtenore

NovArtBaroqueEnsemble

Luca Dalsass e Sofia Bolzan, violini

Marco Dalsass, violoncello

Francesco Bravo, clavicembalo

Musiche di Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Bernardo Storace , Giovanni Bononcini, Andrea Stefano Fiorè, Antonio Vivaldi.

Quinto di Treviso, Villa Memo – Giordani

12 settembre 2014, ore 21.00

NovArtBaroqueEnsemble

Arrigo Pietrobon, oboe e flauto dolce

Giorgio Pavan, violino

Marco Dalsass, violoncello

Francesco Bravo, clavicembalo

Musiche di Georg Philipp Telemann,Johann Bernhard Bach, Willem De Fesch, Georg Philipp Telemann, Carl Philipp Emanuel Bach, Georg Friedrich Händel  

Albaredo di Vedelago, Villa Grimani – Morosini – Gatterburg

14 settembre 2014, ore 21.00

NovArtBaroqueEnsemble

Arrigo Pietrobon, oboe e flauto dolce

Giorgio Pavan, violino

Marco Dalsass, violoncello

Francesco Bravo, clavicembalo

Musiche di Georg Philipp Telemann, Johann Bernhard Bach, Willem De Fesch, Carl Philipp Emanuel Bach, Georg Friedrich Händel

Treviso, Chiesa di Sant’Agostino

19 settembre 2014, ore 21.00

Anna Giulia Simioni, soprano

Marco Rinaldi, controtenore

NovArtBaroqueEnsemble

Luca Dalsass e Sofia Bolzan, violini

Marco Dalsass, violoncello

Francesco Bravo, clavicembalo

Musiche di Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Bernardo Storace, Giovanni Bononcini, Andrea Stefano Fiorè, Antonio Vivaldi

Badoere di Morgano, Chiesetta di Sant’Antonio

 20 settembre 2014, ore 21.00

Ensemble Dulcis in fundo

Olga Bernardi e Fabio Martignago, flauti dolci

Stefano Sopranzi, fagotto

Luca Poppi, clavicembalo

Musiche di Giuseppe Sammartini, Georg Philipp Telemann, Domenico Scarlatti, Joseph Bodin De, Antonio Vivaldi, Arcangelo Corelli. 

Castelfranco Veneto, Teatro Accademico

26 settembre 2014, ore 21.00

Anna Giulia Simioni, soprano

Marco Rinaldi, controtenore

NovArtBaroqueEnsemble

Luca Dalsass e Sofia Bolzan, violini

Marco Dalsass, violoncello

Francesco Bravo, clavicembalo

Musiche di Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Bernardo Storace, Giovanni Bononcini, Andrea Stefano Fiorè, Antonio Vivaldi

Dosson di Casier, Villa Contarini – Nenzi

23 novembre 2014, ore 16.00

Anna Giulia Simioni, soprano

Marco Rinaldi, controtenore

NovArtBaroqueEnsemble

Luca Dalsass e Sofia Bolzan, violini

Marco Dalsass, violoncello

Nicola Lamon, clavicembalo

Musiche di Arcangelo Corelli, Alessandro Scarlatti, Bernardo Storace, Giovanni Bononcini, Andrea Stefano Fiorè, Antonio Vivaldi

, ,

Musica

Hermes: Schumann – Brahms

19 ago , 2014  

Hermes piano quartet

Dom. 5 ottobre, ore 17:30

nella Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade

Hermes Piano Quartet

Musiche di Schumann – Brahms

Gruppo di primordine del panorama musicale italiano, l’Hermes Piano Quartet è formato dalla fiorentina Alina Company (storico primo violino del celebre Quartetto di Fiesole, questa volta impegnata sia in veste di violinista, che di violista), i veneti Renato Donà (violino) e Marco Dalsass (violoncello) e la milanese Stefania Mormone (pianoforte), tutti considerati fra i più raffinati e accreditati cameristi italiani della loro generazione. Hermes, il dio che fa scoccare scintille di fantastici scambi, contatti e sinergie ha riunito i quattro musicisti con la forza di straordinarie coincidenze: da sempre vicini nell’amicizia e in un passato professionale, che in molte occasioni li ha portati a collaborare in duo, in trio e nella didattica, con l’Hermes Piano Quartet hanno dato vita a una meravigliosa fusione di esperienze che si plasmano con versatilità in geometrie di organico variabile, per una locandina affascinante dedicata a Mozart e Schumann.

Hermes Piano Quartet
Il nome del quartetto fa riferimento al dio Hermes, che, nella mitologia greca, rappresenta il messaggero degli dèi: egli si manifesta in occasione di qualsiasi tipo di scambio, di mutamento, di transito da un luogo all’altro. Viene messo in relazione con colloqui e passaggi di informazioni ed è artefice di contatti e straordinarie coincidenze. Ancor oggi possiamo dire di avvertire la sua presenza sotto forma di mito vivente nella personalità umana, quando scocca la scintilla che genera fantastiche sinergie ed unità di intenti…ed ecco che Alina, Renato, Marco e Stefania, da sempre uniti dall’amicizia e da un passato professionale, che in molte occasioni li ha portati a collaborare in duo, in trio e nella didattica, danno vita a questa meravigliosa fusione di esperienze. Recentemente il noto violinista Alessandro Perpich ha sostituito Renato Donà nel quartetto.

Alina companyAlina Company, allieva di Pavel Vernikov, Zinaida Gilels e Ilya Grubert, è stata per più di un ventennio il primo violino del Quartetto di Fiesole (Primo Premio Concorso Internazionale “V. Gui” 1996), nato sotto la guida affettuosa e attenta di Piero Farulli, portando il messaggio della più luminosa tradizione cameristica e didattica italiana nelle maggiori sale da concerto e festivals di tutto il mondo. Molto apprezzata l’esecuzione del Quartetto di Petrassi dall’autore, collabora con artisti quali lo stesso Piero Farulli, Maria Tipo, Andrea Lucchesini, Pietro De Maria, Nelson Goerner, Alain Meunier, Kostantin Bogino e molti altri, integrando l’esperienza concertistica con un costante impegno nell’insegnamento e ottenendo sempre grandi successi di pubblico e critica.

Alessandro Perpich Alessandro Perpich, nato a Firenze, ha intrapreso giovanissimo lo studio della musica sotto la guida del padre e si è diplomato a pieni voti e lode sia in violino presso il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, sia in viola presso il Conservatorio”Niccolò Piccinni” di Bari. Ha studiato anche con Vaclav Benda presso il Conservatorio di Praga e, invitato per due volte, nell’Accademia di Pommersfelden, in Germania, allievo di Wilhelm Waltz. Ventenne ha frequentato i corsi di musica da camera di Adriano Vendramelli e, contemporaneamente, quelli di violino con Corrado Romano conseguendo la massima votazione all’esame finale presso l’Accademia Internazionale di Biella. Ha quindi proseguito gli studi con Romano al Conservatorio di Ginevra sino a ottenere il Premier Prix de Virtuosité. Ha tenuto concerti in USA, Sudamerica, Asia, Europa (Festival di Salisburgo, Salle Pleyel e Opera Garnier di Parigi, Avery Fisher Hall di New York, Ravinia Festival di Chicago, Tanglewood -Boston, Musikverein di Vienna, Coliseum di Buenos Aires, Teresa Carreno di Caracas, Suntory Hall di Tokio, Scala di Milano).

Marco-Dalsass-bioMarco Dalsass, formatosi sotto la guida di Enrico Egano, si è perfezionato con maestri come Janigro, Meneses e Filippini, per poi affrontare intensamente il repertorio cameristico e solistico, eseguendo il barocco secondo la prassi filologica e con strumenti originali, fino a proporre le opere degli autori contemporanei. Dopo il Premio Speciale per la migliore interpretazione di “Dallapiccola”, ottenuto al Concorso Internazionale Cassadò di Firenze nel 1990, Marco ha intrapreso un’attività di preziosa collaborazione, in ambito solistico, con prestigiose figure di riferimento nel panorama musicale, fra le quali S.Kuijken, C. Banchini, M.Brunello e K. Schneider, affermandosi come uno dei violoncellisti italiani più interessanti della sua generazione.

Stefania MormoneStefania Mormone, da sempre impegnata nella musica da camera con grandi interpreti, ha ottenuto, fin dagli esordi della sua carriera, uno straordinario successo a livello internazionale, in particolare nel lungo sodalizio artistico con il violinista Sergej Krylov. Numerose tournée in Europa ed oltreoceano hanno proiettato Stefania anche nella dimensione solistica, offrendole molte opportunità di esibirsi sia in recital, che con prestigiose orchestre. Radio e televisioni internazionali hanno frequentemente invitato Stefania a registrare le sue esecuzioni, documentandone lo spessore interpretativo, così come la critica ha sempre riconosciuto in lei un talento musicale innato ed una grande versatilità, unitamente ad una squisita sensibilità artistica.

Musica

Bach, Variazioni Goldberg

18 ago , 2014  

Goldberg TRIO

Dom. 28 sett. 2014 ore 18:30

Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade

Laura Marzadori violino

Elena Faccani viola

Massimo Polidori violoncello

Musiche di J.S. Bach

Johann Sebastian Bach, Variazioni Goldberg, 32 variazioni nella trascrizione per trio d’archi.

 

Laura MarzadoriLaura Marzadori, vincitrice a soli 25 anni del concorso per Primo violino di spalla al Teatro alla Scala di Milano, si è imposta giovanissima all’attenzione di pubblico e critica conquistando i massimi riconoscimenti in numerosi concorsi tra i quali la Rassegna “Andrea Amati” di Cremona (presidente di giuria Salvatore Accardo), il Premio Nazionale delle Arti (presidente di giuria Uto Ughi), il Concorso Internazionale Postacchini e vincendo nel 2005 il più importante concorso violinistico in Italia: il Premio “Città di Vittorio Veneto”. Nell’occasione si è aggiudicata anche il premio Gulli per la migliore esecuzione di Mozart. Premiata ai concorsi internazionali di Sion Valais e di Buenos Aires, nel 2013, col Trio Armellini-Marzadori, di cui fa parte insieme a Leonora (pianoforte) e Ludovico Armellini (violoncello), ha ricevuto il Premio Franco Abbiati dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Turchia, Uruguay e al Teatro Coliseum di Buenos Aires) collaborando tra gli altri con direttori come Donato Renzetti e Andrea Battistoni ed esibendosi con orchestre prestigiose: la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Regio di Parma, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra di S. Cecilia, i Cameristi della Scala di Milano e l’Orchestra Regionale del Lazio con la quale ha riscosso grande successo al Konser Salonu di Instanbul e all’auditorium Parco delle Musica di Roma con il Concerto n° 1 di Paganini. E’ del 2010 la sua anteprima mondiale a New York di un concerto inedito per violino e orchestra di Respighi, inciso per l’etichetta NAXOS e accolto molto favorevolmente dalla critica internazionale. A gennaio 2013 è uscito per la Tactus il CD con la registrazione live della prima italiana del concerto per violino e orchestra di Ermanno Wolf Ferrari eseguito al Teatro di Ferrara con la direzione del M° Marco Zuccarini. A dicembre 2013 il suo debutto come violino solista al Teatro alla Scala di Milano in Russian Seasons, partitura per orchestra d’archi, violino solista e voce femminile di Leonid Desyatnikov considerato da molti il più celebre compositore russo vivente.

Suona in formazioni cameristiche con musicisti come Accardo, Berman, Filippini, Canino, Meneses, Pay e Giuranna con cui ha eseguito le bachiane Variazioni Goldberg nella versione per trio d’archi dello stesso Giuranna.

Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, ha studiato a lungo con Marco Fornaciari. Si è perfezionata con Giuliano Carmignola e Pavel Berman e segue i corsi di Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona e alla Chigiana di Siena, dove ha ricevuto per due anni il Diploma d’Onore riservato ai migliori allievi. Prosegue il suo perfezionamento con il prestigioso violinista e didatta Zakhar Bron.

Suona il violino “Milanollo” di Pietro Giacomo Rogeri del 1715 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

 

Elena FaccaniElena Faccani, nata a Bologna nel 1976 si diploma con il massimo dei voti in Violino a Milano presso il Conservatorio di Musica “G. Verdi” e in Viola a Piacenza presso il Conservatorio “G. Nicolini”.
I suoi studi proseguono a Ginevra con Corrado Romano.
Frequenta inoltre le Master Class di Miriam Fried all’Accademia Chigiana e i corsi di perfezionamento tenuti da Giuliano Carmignola e Franco Gulli ottenendo sempre borse di studio e riconoscimenti.
Nel 1997 ha eseguito il Concerto per violino e orchestra di L.V. Beethoven con l’Orchestra “G. Cantelli” nella Sala Verdi di Milano e nello stesso anno ha vinto il secondo premio alla Rassegna Violinistica di Vittorio Veneto.
Nell’anno seguente le è stata assegnata la borsa di studio “De Sono Associazione per la Musica” grazie alla quale ha frequentato le lezioni di Francesco Manara presso l’Accademia di Perfezionamento Musicale “L. Perosi” di Biella vincendo successivamente il terzo premio all’omonimo Concorso Internazionale.
E’ stata il Primo Violino dell’Orchestra Accademia della Filarmonica della Scala con la quale ha tenuto concerti in varie città italiane sotto la direzione di W. Sawallisch, I. Karabatchevsky, I. Temirkanov.
E’ stata allieva di Ana Chumachenco con la quale si è diplomata presso l’Accademia “L. Perosi” di Biella con il massimo dei voti e lamenzione speciale della Giuria.
Da sempre si dedica all’approfondimento della Musica da Camera prediligendo il Duo con pianoforte e il Trio d’Archi.
Nel 2001  ha vinto il Concorso Internazionale indetto dal Teatro alla Scala e presieduto da Riccardo Muti, entrando a far parte stabilmente dell’Orchestra nella fila dei Primi Violini.
Come violista solista ha recentemente eseguito la Sinfonia Concertante di W. A. Mozart con l’Orchestra Regionale dela Toscana.

Le è stato assegnato il premio “Barbirolli” alla nona edizione del Concorso Internazionale per Viola “Lionel Tertis” (Gran Bretagna) conferito al concorrente con il più bel suono.

 Suona una viola Maggini costruita a Brescia nel 1610.

Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, ha studiato a lungo con Marco Fornaciari. Si è perfezionata con Giuliano Carmignola e Pavel Berman e segue i corsi di Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona e alla Chigiana di Siena, dove ha ricevuto per due anni il Diploma d’Onore riservato ai migliori allievi. Prosegue il suo perfezionamento con il prestigioso violinista e didatta Zakhar Bron.

Suona il violino “Milanollo” di Pietro Giacomo Rogeri del 1715 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

 

Massimo PolidoriMassimo Polidori. Nasce in una famiglia di musicisti e intraprende gli studi presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino sotto la guida del Maestro Renzo Brancaleon. Diplomatosi con il massimo dei voti ha poi proseguito gli studi al Conservatorio Superiore di Musica di Ginevra aggiudicandosi il Primo Premio di “Virtuosite’ ” e il premio speciale destinato al miglior diplomato dell’anno. In questa occasione ha eseguito il concerto di Schumann con l’Orchestra della Suisse Romande, successivamente diffuso dalla Radio Svizzera.
Grazie ad una borsa di studio conferitagli  dalla “De Sono Associazione per la Musica” ha partecipato a corsi di perfezionamento tenuti dai Maestri A. Janigro, M. Brunello,  D. Grousgurin, A. Baldovino e D. Schafran.
Ha debuttato a sedici anni eseguendo le “Variazioni rococo” con l’ Orchestra Filarmonica di Sofia, e successivamente sempre da solista ha collaborato con L’Orchestra da Camera di Mantova, Camerata Bern, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra Cherubini, Filarmonica della Scala.
In veste di violoncello solista della Camerata Bern, ruolo che ha ricoperto per cinque anni, ha collaborato con artisti quali H. Holliger, A. Chumachenco, T. Zehetmair, R. Lupu, A. Schiff,  con i quali ha inciso  per la Philips Decca, Berlin Classic ed ECM svolgendo un’intensa attività concertistica che lo ha portato nelle più prestigiose sale Europee e Statunitensi. Nello stesso periodo è stato  titolare della cattedra di violoncello presso il Conservatorio di Musica di Fribourg. Attualmente insegna alla Mahler Accademie (Presidente Claudio Abbado).
Massimo Polidori è tra i fondatori del “Trio Johannes” con il quale ha inciso l’integrale dei Trii con pianoforte di Brahms (per la rivista Amadeus). Questa formazione  cameristica è stata premiata al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trieste e a quello di Osaka ed è risultata vincitrice del “Concert Artists Guild Competition” di New York. Il trio ha recentemente debuttato alla “Carnegie Hall” di New York, riscuotendo un grande successo di pubblico e critica.
Nel 2000 è stato scelto dal Maestro Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di Primo violoncello nell’orchestra del Teatro alla Scala.
Dal 2001 è il violoncellista del “Quartetto d’Archi della Scala“.

Musica

Concerti 2014 Anteprima -2° ciclo

18 ago , 2014   Video

Anteprima Concerti 4^ Stagione,  S. Maria di Castello in Biancade, (TV) Italy. (2° ciclo, sett.-ott.)

Clip dei concerti, su motivo “Aria” di J.S. Bach, eseguito dall’Orchestra di violoncelli Heithor Villa-lobos

Heithor Villa-lobos

 

 

 

 

I concerti di settembre e ottobre 2014 (2° ciclo) sono programmati tutti di domenica e si terranno nell’antica chiesa di Santa Maria di Castello in Biancade, Roncade (TV) Italy. In via Castello, laterale di via S. Antonio. I concerti saranno presentati dal musicologo prof. Marco Crepet.

Ingresso: INTERI €. 10,00, RIDOTTI €. 5,00 (fino 14 anni). Seguirà sobrio rinfresco.

E’ consigliata la prenotazione info@concertitreviso.it

Dom.  14 Settembre,  ore 18:30
Riprende il aecondo ciclo di concerti con “Le Quattro Stagioni”
l’Orchestra barocca “Giacomo Facco, musico veneto”

Violino solista e direttore Luca Dalsass

Musiche di Antonio Vivaldi

Dom. 21 Settembre, ore 18:30
Prosegue la serie di concerti con “Serata veneziana”
Daniela Benori soprano

Cristina Crotti pianoforte

Dom. 28 settembre,  ore 18:30
Eccezionale partecipazione ai concerti con “Le Variazioni Goldberg”
gli artisti, Laura Marzadori violino

Elena Faccani viola

Massimo Polidori violoncello

Musica di J.S. Bach

Dom.   5 Ottobre,  ore 17:30
Ritorna ai concerti di S. Maria di Castello con “Hermes da Schumann a Brahms”
l’Hermes Piano Quartet

Musiche di Schumann e Brahms

Dom. 12 Ottobre, ore 17:30
Conclude la rassegna concerti con “Saudade 2014″
l’ Orchestra di violoncelli Heithor Villa-lobos

Giovanna Gomiero soprano

Musique et divertissement 

,

Musica

“Serata veneziana”

2 ago , 2014  

Daniela Benori e Cristina Crotti

 Domenica 21  Settembre  2014 ore 18:30

Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade

Daniela Benori soprano,

Cristina Crotti pianoforte.

Con la partecipazione della giovane pianista roncadese Corinna Bonotto.

Serata con musica veneziana di autori e compositori classici legati a Venezia.

Daniela BenoriDaniela Benori ha iniziato gli studi di canto con il M° P. M. Bononi e si è diplomata presso il Conservatorio di Musica “B. Marcello” di Venezia. Ha studiato con Claude Thiolas e curato l’arte scenica con il regista M° Virginio Puecher. E’ laureata con il massimo dei voti presso l’Università “Ca’ Foscari ” di Venezia con una tesi sul cantante sopranista Girolamo Crescentini. Insegna Letteratura Poetica e Drammatica al Conservatorio di Venezia.

Dopo il suo debutto al Teatro Comunale di Treviso (ruolo di Barbarina) nelle Nozze di Figaro, nel 1987, ha cantato in diversi teatri italiani e europei il repertorio lirico: Teatro Comunale di Piacenza, all’Opera Giocosa di Savona, per il Teatro “La Fenice” di Venezia, al Teatro Sociale di Rovigo, al Teatro Regio di Parma, al Teatro Comunale di Adria, a Bolzano, Trento, Catania, all’Arena di Verona, al “C. Felice” di Genova.   Ha interpretato il ruolo di Musetta in Bohème, di Gilda nel Rigoletto in vari stati europei, di Giannetta nell’Elisir d’amore, di Berta nel Barbiere di Siviglia, di Tebaldo nel Don Carlos, di Ottilia nell’operetta “Al cavallino bianco” di R. Stolz. Ha eseguito diversi concerti organizzati dal Teatro “La Fenice” di Venezia con melodie tratte da operetta e altri concerti con i celebri successi dei film di Walt Disney. Nel 2005, invitata dal M° Sergio De Pieri, ha cantato in Australia al Festival di Ballarat, a Bendigo, al Festival di Mildura, a Swan Hill, a Melbourne e a Sydney. Nel marzo del 2007 ha nuovamente collaborato con il teatro La Fenice di Venezia, cantando al teatro Malibran nel progetto sull’opera buffa “Tipi da commedia”. Nel 2008 e nel 2012 nuova tournée in Australia (Melbourne e Adelaide) con apprezzati concerti di repertorio italiano.

Avvalendosi di una sua personale ricerca musicologica, ha registrato sette CD accompagnata al pianoforte da Enza Ferrari e con la collaborazione di musicisti in varie formazioni cameristiche. I CD costituiscono spesso tematico repertorio di concerti ottimamente recensiti dalla critica e apprezzati dal pubblico.

DISCOGRAFIA (edizioni Rivoalto)

  • IL BACIO (romanze da salotto)
  • LA MUSICA DEI BACI (romanze e duetti da salotto)
  • RICORDATI DI ME (romanze da salotto)
  • SOGNI D’ORO, PINOCCHIO (ninne nanne e canzoni per bambini)
  • GATTI IN MUSICA (canzoni sul tema)
  • UNA SERATA A VENEZIA (melodie veneziane)
  • 3 LOVE SONGS (musiche per film)
  • CRISPINO E LA COMARE (opera – ruolo di Lisetta) ed. Bongiovanni

 

 

Cristina Crotti

Cristina Crotti. Trevigiana, si è diplomata brillantemente in pianoforte al Conservatorio ” G. Tartini” di Trieste nel 1984 sotto la guida del M° Enza Ferrari. Dal 1987 ha seguito Corsi annuali di Formazione per Maestri Sostituti, di didattica del pianoforte e di musica da camera. Nel 1992 ha superato il Concorso Nazionale indetto dal Ministero per accompagnatori al pianoforte di cantanti nei Conservatori. Svolge attività concertistica in varie formazioni cameristiche ed ha partecipato a rassegne e concorsi di musica da camera ottenendo particolari riconoscimenti e premi. Nel 2006 ha conseguito con il massimo dei voti la Laurea in Musica Vocale da Camera (Biennio di specializzazione di 2° livello) presso il Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria.

Ha sempre affiancato all’attività artistica quella didattica, essendo stata docente di ruolo di Educazione Musicale e di Pianoforte nelle Scuole Medie Statali ad Indirizzo musicali (dal 1992 al 2011 presso la S.M.S. “L.Stefanini” di Treviso) e presso Istituti Musicali (“F. Manzato” di Treviso e “A. Corelli” di Vittorio Veneto). E’ stata docente accompagnatore pianistico presso il Conservatorio “G. P. da Palestrina” di Cagliari” collaborando con il soprano Elisabetta Scano. Attualmente ricopre lo stesso incarico presso il Conservatorio “A. Bonporti” di Riva Del Garda collaborando con il soprano Alessandra Maria Rezza.

In duo con il soprano Daniela Benori si esibisce in programmi musicali dedicati al repertorio operistico, da camera e da salotto. Particolare è lo studio di repertori francesi eseguiti in numerose Alliances Francaises in Italia. Nel 2001 con il soprano Daniela Benori, ha registrato per Rivo Alto un CD intitolato “Sogni d’oro Pinocchio”, su musiche dei film di W. Disney, eseguite inoltre in alcuni concerti per il Teatro “La Fenice” di Venezia.

 

Musica

14 Settembre “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi

1 ago , 2014  

Orchestra Giacomo Facco

L’orchestra da camera “Giacomo Facco

nella Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade, eseguirà Le Quattro Stagioni.

Domenica 14 Settembre 2014 alle ore 18.30, nell’Antica chiesa di Santa Maria di Castello, si terrà un concerto dell’Orchestra barocca “Giacomo Facco”. Violino solista e direttore Luca Dalsass.

L’orchestra d’archi prende il nome da Giacomo Facco, musico veneto, strumentista e compositore nato a Campo San Martino, centro prossimo a Camposampiero, nel 1670, morto a Madrid nel 1753 dopo essere stato per molti anni al servizio del Principe delle Asturie. L’ensemble nasce nel 2011, su iniziativa della scuola di musica Accademia Filarmonica di Camposampiero, con il preciso scopo di aggregare i migliori giovani strumentisti ad arco dell’alta padovana, offrendo loro l’opportunità di studiare a fianco di musicisti professionisti il repertorio barocco e classico. Numerose sono le occasioni nelle quali l’orchestra si è esibita, in particolare è di rilievo la partecipazione al Festival “Armonia di Vie”, patrocinato e sostenuto dalla Provincia di Padova, nonché inserito nel macrocartellone culturale Reteventi 2012.

Luca DalsassLuca Dalsass, violinista, nato a Castelfranco, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica “Agostino Steffani”di quella città diplomandosi e successivamente laureandosi in violino barocco-classico con il massimo dei voti. Si è perfezionato con Viktor Liberman e, presso la Scuola di musica di Fiesole, con Renato Zanettovich. Ha, inoltre, seguito i corsi annuali tenuti dal Trio di Trieste a Duino presso il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico.
Nel 1986 ha fatto parte dell’Orchestra Giovanile Italiana con la quale ha effettuato concerti nelle più prestigiose sale da concerto italiane. Ha altresì collaborato con L’Orchestra Filarmonica Veneta, L’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra da camera di Padova e del Veneto, l’Orchestra Haydn Philarmonia partecipando a numerose tournèes in tutta Europa assieme a direttori e solisti di fama come Marta Argerich, J.J. Kantorow, I. Oistrach, P. Maag, K. Redel ecc.
E’ stato per oltre dieci anni primo violino dell’orchestra d’archi “Accademia Veneta” con la quale ha potuto suonare a fianco di musicisti quali G. Carmignola, G. Giacomini, M. Scattolin e M. Somenzi. Si è esibito in molteplici occasioni in veste solistica con NovArtBaroqueEnsemble, Orchestra Giovanni Legrenzi, Filarmonia Veneta.
Ha inciso per Nuova Era, Sonoton, Bongiovanni e Phoenix e registrato per RAI e Mediaset.
Già docente di violino al Liceo musicale “F. Manzato” di Treviso, è titolare della medesima cattedra presso la Scuola Media Statale ad indirizzo musicale di Treville di Castelfranco Veneto. Attualmente insegna violino presso il Liceo musicale statale “Giorgione” di Castelfranco Veneto.
Da anni si dedica assiduamente allo studio della musica antica suonata su strumenti originali collaborando  fra gli altri con I sonatori de la gioiosa Marca, Athestis Chorus, la Stagione Armonica diretta da Sergio Balestracci, Chiara Banchini, Sigiswald Kuijken, Gabriele Cassone, Patrizia Vaccari.
Fondatore, assieme al fratello Marco, di NovartBaroqueEnsemble è direttore artistico del Festival di musica antica “Chiaro lo specchio dell’acqua”e “Armonia di Vie”.