Goldberg TRIO

Musica

Bach, Variazioni Goldberg

18 ago , 2014  

Dom. 28 sett. 2014 ore 18:30

Chiesa di Santa Maria di Castello, Biancade

Laura Marzadori violino

Elena Faccani viola

Massimo Polidori violoncello

Musiche di J.S. Bach

Johann Sebastian Bach, Variazioni Goldberg, 32 variazioni nella trascrizione per trio d’archi.

 

Laura MarzadoriLaura Marzadori, vincitrice a soli 25 anni del concorso per Primo violino di spalla al Teatro alla Scala di Milano, si è imposta giovanissima all’attenzione di pubblico e critica conquistando i massimi riconoscimenti in numerosi concorsi tra i quali la Rassegna “Andrea Amati” di Cremona (presidente di giuria Salvatore Accardo), il Premio Nazionale delle Arti (presidente di giuria Uto Ughi), il Concorso Internazionale Postacchini e vincendo nel 2005 il più importante concorso violinistico in Italia: il Premio “Città di Vittorio Veneto”. Nell’occasione si è aggiudicata anche il premio Gulli per la migliore esecuzione di Mozart. Premiata ai concorsi internazionali di Sion Valais e di Buenos Aires, nel 2013, col Trio Armellini-Marzadori, di cui fa parte insieme a Leonora (pianoforte) e Ludovico Armellini (violoncello), ha ricevuto il Premio Franco Abbiati dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero (Stati Uniti, Spagna, Austria, Repubblica Ceca, Ucraina, Germania, Svizzera, Turchia, Uruguay e al Teatro Coliseum di Buenos Aires) collaborando tra gli altri con direttori come Donato Renzetti e Andrea Battistoni ed esibendosi con orchestre prestigiose: la Filarmonica Toscanini, l’Orchestra del Regio di Parma, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra di S. Cecilia, i Cameristi della Scala di Milano e l’Orchestra Regionale del Lazio con la quale ha riscosso grande successo al Konser Salonu di Instanbul e all’auditorium Parco delle Musica di Roma con il Concerto n° 1 di Paganini. E’ del 2010 la sua anteprima mondiale a New York di un concerto inedito per violino e orchestra di Respighi, inciso per l’etichetta NAXOS e accolto molto favorevolmente dalla critica internazionale. A gennaio 2013 è uscito per la Tactus il CD con la registrazione live della prima italiana del concerto per violino e orchestra di Ermanno Wolf Ferrari eseguito al Teatro di Ferrara con la direzione del M° Marco Zuccarini. A dicembre 2013 il suo debutto come violino solista al Teatro alla Scala di Milano in Russian Seasons, partitura per orchestra d’archi, violino solista e voce femminile di Leonid Desyatnikov considerato da molti il più celebre compositore russo vivente.

Suona in formazioni cameristiche con musicisti come Accardo, Berman, Filippini, Canino, Meneses, Pay e Giuranna con cui ha eseguito le bachiane Variazioni Goldberg nella versione per trio d’archi dello stesso Giuranna.

Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, ha studiato a lungo con Marco Fornaciari. Si è perfezionata con Giuliano Carmignola e Pavel Berman e segue i corsi di Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona e alla Chigiana di Siena, dove ha ricevuto per due anni il Diploma d’Onore riservato ai migliori allievi. Prosegue il suo perfezionamento con il prestigioso violinista e didatta Zakhar Bron.

Suona il violino “Milanollo” di Pietro Giacomo Rogeri del 1715 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

 

Elena FaccaniElena Faccani, nata a Bologna nel 1976 si diploma con il massimo dei voti in Violino a Milano presso il Conservatorio di Musica “G. Verdi” e in Viola a Piacenza presso il Conservatorio “G. Nicolini”.
I suoi studi proseguono a Ginevra con Corrado Romano.
Frequenta inoltre le Master Class di Miriam Fried all’Accademia Chigiana e i corsi di perfezionamento tenuti da Giuliano Carmignola e Franco Gulli ottenendo sempre borse di studio e riconoscimenti.
Nel 1997 ha eseguito il Concerto per violino e orchestra di L.V. Beethoven con l’Orchestra “G. Cantelli” nella Sala Verdi di Milano e nello stesso anno ha vinto il secondo premio alla Rassegna Violinistica di Vittorio Veneto.
Nell’anno seguente le è stata assegnata la borsa di studio “De Sono Associazione per la Musica” grazie alla quale ha frequentato le lezioni di Francesco Manara presso l’Accademia di Perfezionamento Musicale “L. Perosi” di Biella vincendo successivamente il terzo premio all’omonimo Concorso Internazionale.
E’ stata il Primo Violino dell’Orchestra Accademia della Filarmonica della Scala con la quale ha tenuto concerti in varie città italiane sotto la direzione di W. Sawallisch, I. Karabatchevsky, I. Temirkanov.
E’ stata allieva di Ana Chumachenco con la quale si è diplomata presso l’Accademia “L. Perosi” di Biella con il massimo dei voti e lamenzione speciale della Giuria.
Da sempre si dedica all’approfondimento della Musica da Camera prediligendo il Duo con pianoforte e il Trio d’Archi.
Nel 2001  ha vinto il Concorso Internazionale indetto dal Teatro alla Scala e presieduto da Riccardo Muti, entrando a far parte stabilmente dell’Orchestra nella fila dei Primi Violini.
Come violista solista ha recentemente eseguito la Sinfonia Concertante di W. A. Mozart con l’Orchestra Regionale dela Toscana.

Le è stato assegnato il premio “Barbirolli” alla nona edizione del Concorso Internazionale per Viola “Lionel Tertis” (Gran Bretagna) conferito al concorrente con il più bel suono.

 Suona una viola Maggini costruita a Brescia nel 1610.

Diplomatasi con lode e menzione speciale al Conservatorio Martini di Bologna, ha studiato a lungo con Marco Fornaciari. Si è perfezionata con Giuliano Carmignola e Pavel Berman e segue i corsi di Salvatore Accardo all’Accademia Stauffer di Cremona e alla Chigiana di Siena, dove ha ricevuto per due anni il Diploma d’Onore riservato ai migliori allievi. Prosegue il suo perfezionamento con il prestigioso violinista e didatta Zakhar Bron.

Suona il violino “Milanollo” di Pietro Giacomo Rogeri del 1715 di proprietà della Fondazione Pro Canale.

 

Massimo PolidoriMassimo Polidori. Nasce in una famiglia di musicisti e intraprende gli studi presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino sotto la guida del Maestro Renzo Brancaleon. Diplomatosi con il massimo dei voti ha poi proseguito gli studi al Conservatorio Superiore di Musica di Ginevra aggiudicandosi il Primo Premio di “Virtuosite’ ” e il premio speciale destinato al miglior diplomato dell’anno. In questa occasione ha eseguito il concerto di Schumann con l’Orchestra della Suisse Romande, successivamente diffuso dalla Radio Svizzera.
Grazie ad una borsa di studio conferitagli  dalla “De Sono Associazione per la Musica” ha partecipato a corsi di perfezionamento tenuti dai Maestri A. Janigro, M. Brunello,  D. Grousgurin, A. Baldovino e D. Schafran.
Ha debuttato a sedici anni eseguendo le “Variazioni rococo” con l’ Orchestra Filarmonica di Sofia, e successivamente sempre da solista ha collaborato con L’Orchestra da Camera di Mantova, Camerata Bern, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra Cherubini, Filarmonica della Scala.
In veste di violoncello solista della Camerata Bern, ruolo che ha ricoperto per cinque anni, ha collaborato con artisti quali H. Holliger, A. Chumachenco, T. Zehetmair, R. Lupu, A. Schiff,  con i quali ha inciso  per la Philips Decca, Berlin Classic ed ECM svolgendo un’intensa attività concertistica che lo ha portato nelle più prestigiose sale Europee e Statunitensi. Nello stesso periodo è stato  titolare della cattedra di violoncello presso il Conservatorio di Musica di Fribourg. Attualmente insegna alla Mahler Accademie (Presidente Claudio Abbado).
Massimo Polidori è tra i fondatori del “Trio Johannes” con il quale ha inciso l’integrale dei Trii con pianoforte di Brahms (per la rivista Amadeus). Questa formazione  cameristica è stata premiata al Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trieste e a quello di Osaka ed è risultata vincitrice del “Concert Artists Guild Competition” di New York. Il trio ha recentemente debuttato alla “Carnegie Hall” di New York, riscuotendo un grande successo di pubblico e critica.
Nel 2000 è stato scelto dal Maestro Riccardo Muti per ricoprire il ruolo di Primo violoncello nell’orchestra del Teatro alla Scala.
Dal 2001 è il violoncellista del “Quartetto d’Archi della Scala“.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *